Prodotti tipici

Fichi di Belmonte Calabro

I prodotti tipici del Sud Tirreno Cosentino sono legati ai prodotti della terra o alle attività della pesca e si distinguono per i loro sapori genuini e i gusti inimitabili.

Vera prelibatezza è il “pomodoro di Belmonte”, che può avere due caratteristiche: il primo, detto “a cuore di bue”, è caratterizzato da un peso che varia dai 400 gr agli 800 gr e da una forma allungata simile a un cuore. Il secondo, detto il “gigante”, si presenta con una forma più tondeggiante e il suo peso può raggiungere e superare i 2 kg.

Un altro prodotto tipico della zona è il fico secco. Questo frutto non ha caratteristiche particolari per quanto riguarda la sua produzione, ma acquisisce una sua originalità per quel che concerne la lavorazione. Il processo di lavorazione del fico che inizia con l’ essiccazione al sole su stuoie dette “cannizzole”, termina con la produzione di diverse tipologie di prodotto legate fortemente alla tradizione contadina. Il fico secco rappresentava un fondamentale alimento nelle diete povere dei nostri avi, esso veniva infatti conservato, dopo la lavorazione, in un’apposita cassapanca detta “casciune. Il prodotto finito può presentarsi sotto diverse forme frutto di diverse tecniche di lavorazione: le “crocette”, le “trecce”, le “coroncine” e i “fioroni”.

Come retaggio della civiltà marinara, restano le “salagioni” che, dalla prima metà del secolo scorso, hanno costituito un naturale sbocco al pescato locale, soprattutto di sarde ed alici, attraverso la conservazione mediante “salatura”.

I principali prodotti di questa industria artigianale di conservazione sono: le “acciughe sotto sale”, i “filetti di alici” in olio d’oliva, la rosamarina al peperoncino, il “tonno in olio”. Piatto particolarmente delizioso è quello della “pasta ccu alici e sardi” o l’insuperabile “rosamarina” fatta a “pitticelle” (frittelle).

1052
Vota
Thanks!
An error occurred!

Chi siamo

Il Consorzio Isca-Hotels nasce per realizzare un progetto di sviluppo turistico, culturale, enogastronomico, passando per la valorizzazione dei borghi antichi e per l’offerta balneare.